Corso di scrittura al Caffè Letterario

803

ALCAMO. Si svolgerà al Caffè Letterario della Libreria Mondadori in Piazza Ciullo, un corso di scrittura che ospiterà presenze importanti del mondo del giornalismo e della letteratura siciliana, che metteranno a disposizione dei partecipanti le loro competenze professionali. Il corso avrà la durata di nove ore complessive che si suddivideranno in tre lezioni di tre ore ciascuna fissati per sabato 17 e 24 novembre e sabato 1 dicembre.

Ogni lezione verrà aperta dal giornalista e scrittore Gary Palazzotto che approfondirà diverse tematiche, quali la “professione ghostwriter” e “la fabbrica delle idee” dall’idea alla frase, come perfezionare un’idea, tecnica di scrittura e tanto altro.

La seconda parte di ogni lezione sarà tenuta da tre diversi professionisti siciliani, rispettivamente lo scrittore Roberto Alajmo, il giornalista e scrittore Salvo Toscano e il semiologo e scrittore Gianfranco Marrone, che parleranno invece de “il mestiere di scrivere”.

Il corso prevede un numero massimo di 25 partecipanti e il costo per ciascuno è di 60 euro. Le iscrizioni sono aperte fino al 15 novembre.

Per adesioni e info: 0924.28358, Vito 338.6756655, Daniele 392. 1646272, o alla  pagina facebook della Libreria Mondadori Alcamo.

Partirà inoltre dal prossimo 9 novembre una rassegna di 5 incontri con gli autori che presenteranno i loro libri.

Venerdì 9 novembre, ore 19,00        Vittorio Borelli “Stefana, il profumo acre dell’est”, Silvy Edizioni
Sabato 17 novembre, ore 19,00        Roberto Alajmo e i suoi libri
Venerdì 23 novembre, ore 19,00      Enzo Di Pasquale “Misteri, crimini e segreti della Sicilia”, Newton & Compton Edizioni
Venerdì 30 novembre, ore 19,00      Elio Carreca “Terrazza Butera”, Nulla Die Edizioni
Venerdì 7 Dicembre, ore 19,00          Elio Sanfilippo, Nino Caleca “Perché è stato ucciso Pio La Torre”, Istituto Poligrafico Europeo

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteSalvato dai Carabinieri un giovane che tentava di uccidersi
Articolo successivoMuore Gae Aulenti, aveva riqualificato Piazza Ciullo