Non si possono svendere i beni immobili che sono di proprietà degli Alcamesi

608

Nell’ultima seduta del  Consiglio Comunale, il Consigliere Vito D’Angelo ha richiesto chiarimenti sulle motivazioni che stanno alla base del piano delle alienazioni e/o valorizzazioni immobiliari di proprietà della Città di Alcamo.  Questa richiesta però non ha avuto risposta perché la riunione del Consiglio è stata rinviata al 30 di Ottobre. La reazione del Consigliere non si è fatta aspettare: “Diventa sempre più sicura la poca lucidità amministrativa di qualche Amministratore Comunale sulle scelte da operare nell’interesse della comunità. Non si possono svendere i beni immobili che sono di proprietà degli Alcamesi, le decisioni, le scelte vanno condotte nell’esclusivo interesse pubblico”. D’Angelo – infine – chiede che “l’intero Consiglio Comunale venga messo nelle condizioni di essere in possesso di tutta la documentazione necessaria per una responsabile valutazione e decisione. Questo vale per l’alienazione dei beni, tanto più per la valorizzazione, la quale quest’ultima se ben stimolata oltre a garantire una sufficiente occupazione di risorse umane già impiegate nel comune;  deve istituire una filiera di contenitori culturali, che in sintonia con il privato può generare un adeguato processo culturale sul territorio. E’ inconcepibile ragionare in termini diversi”.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteCettina Spataro chiude oggi la campagna elettorale
Articolo successivoManuale per un voto libero: come non essere più un fesso
Eros Bonomo
Eros “Libero” Bonomo, Giornalista siciliano, vive ad Alcamo, il cui lavoro è incentrato su Passione, Rispetto e Indipendenza, così da informare al meglio i cittadini. Grande “divoratore” di Dylan Dog, musica e libri, in particolare di storia politica. Motto: “Non sarai mai solo con la schizofrenia”.