Gaetano Adamo(Idv): “La politica non deve prendere in giro la gente”

1775

ALCAMO – Si è svolto ieri il comizio dell’IDV a sostegno del candidato Alcamese, Gaetano Adamo, insieme al Sindaco di Palermo, Leoluca Orlando. Ad aprire il dibattito il giovane dirigente dell’Idv Leonardo di Franco che commenta positivamente la scelta del suo partito di essersi schierato in opposizione ai governi di Cuffaro e Lombardo. A seguire l’intervento del candidato all’Ars  Adamo che sottolinea la sua prima volta in politica e la sua semplicità nell’affrontare questa esperienza.

In politica – commenta Adamo – dico quello che penso anche a discapito di perdere qualche voto. La politica non deve prendere in giro la gente anche per un voto in più. I miei elettori mi devono votare per i miei valori e ideali“. “Metterò in campo le mie idee e le mie proposte con coraggio e onestà – conclude Adamo”

A chiudere l’intervento di Leoluca Orlando che, a suo dire,  il 28 Ottobre si voterà “per un cambiamento culturale di questa terra“.

Negli ultimi undici anni – commenta il Sindaco di Palermo – ci sono state delle barbarie immorali e illegali in sicilia, dobbiamo dire no alle raccomandazioni o alle clientele con rabbia e coraggio“. “L’arma più potente – prosegue Orlando – è la matita all’interno delle urne. Idv è uno strumento che consente a persone di valore e oneste ad entrare nelle amministrazioni“.

Conclude in maniera ottimistica il Sindaco dell’Idv: “A Trapani scatterà sicuramente un deputato c’è da capire chi. Spero di ritornare ad Alcamo per festeggiare l’elezione di un nuovo deputato“.

A fine del comizio è stato ringraziato anche Cenzio Fascella l’altro candidato locale dell’Idv che per motivi personali non è stato presente.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteComizi di quartiere per Giacomo Scala
Articolo successivoAlice si sposa- terzo salone della casa e della sposa a cura di Mariangela Ferrara
Marcello Contento
Marcello Contento, nasce a Palermo nel 1982, vive la sua vita tra la Sicilia e la Toscana. Giornalista, insegnante di economia aziendale e lettore incallito di Tex e Alan Ford.