La cucina siciliana e la cultura della legalità

1530

Lucia e Anna Maria Bongiorno, le cuoche dell’agriturismo di Salemi “Al Ciliegio”, con la ricetta degli “Gnocculi cavati al ragù di salsiccia”, si aggiudicano il campionato di cucina contadina, tenutosi venerdì al Salone nazionale dell’agriturismo di Arezzo, in Toscana. L’Agriturismo sorge nelle terre confiscate alla mafia e la gestione di tali terre è affidata alla Fondazione San Vito Onlus, di cui è responsabile Padre Francesco Fiorino. Grande festa per la premiazione e a condire il tutto la presenza di ospiti d’eccezione come la madrina della serata, Miss Italia 2012, ovvero la siciliana Giusy Buscemi. Nella stessa occasione, al Salone nazionale Agrietour di Arezzo, Padre Francesco Fiorino ha presentato il progetto  “L’altra Sicilia”, cioé un tour siciliano, e nello specifico nel Trapanese, delle bellezze e dei beni riportati alla legalità. Il tour della legalità dura 5 giorni e 4 notti e prevede tappe a Mazara del Vallo, Marsala, Castelvetrano, Selinunte e Salemi.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteFioroni oggi ad Alcamo
Articolo successivoBeppe Grillo a Trapani
Eros Bonomo
Eros “Libero” Bonomo, Giornalista siciliano, vive ad Alcamo, il cui lavoro è incentrato su Passione, Rispetto e Indipendenza, così da informare al meglio i cittadini. Grande “divoratore” di Dylan Dog, musica e libri, in particolare di storia politica. Motto: “Non sarai mai solo con la schizofrenia”.