Scarcerato Vincenzo Bosco, accusato di estorsione

1075

Il Tribunale della Libertà di Palermo ha scarcerato Vincenzo Bosco,  classe 63, di Castellammare  del Golfo, revocando l ‘ordinanza di custodia cautelare disposta dal G.I.P. Presso il Tribunale di Palermo dr. Petrucci.

Il Bosco rispondeva del reato di tentata estorsione a danno di un ristorante di Castellammare del Golfo, ed era ritenuto un assiduo frequentatore di Rugeri Diego, proprietario dell casa di campagna dove avvenivano alcune riunioni del gruppo accusato di estorsione e associazione a delinquere di stampo mafioso. Il castellammarese era stato arrestato nella famosa retata contro i vertici dell’associazione mafiosa operante as Alcamo e Castellammare del Golfo, di cui facevano parte, fra gli altri, Bonura Antonio, Rugeri Diego, Antonino Bosco, Sebastiano Bussa, Vincenzo Campo.

Il Tribunale del Riesame ha ritneuto tuttavia il compendio probatorio a carico del Bosco privo di significato indiziario e comunque non idoneo a giustificare la pesante misura catelare.
Gli avvocati del Bosco, Baldassare Lauria e Caterina Gruppuso, hanno espresso soddisfazione per la scarcerazione, in particolare Lauria aggiunge: “Siamo convinti di potere dimostrare al processo, ormai imminente, l’estraneità del nostro assistito da ogni contestazione”.
CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteCiaramella si dimette, l’ASD Alcamo alla ricerca di un nuovo allenatore
Articolo successivoStasera Virtus Alcamo vs Green Basket, il Basket alcamese rinasce