Presentazione della Lista “Sturzo Presidente” ad Alcamo

1172

ALCAMO – Grande affluenza di cittadini domenica al Marconi di Alcamo per la presentazione della Lista “Sturzo Presidente” e della candidata dott.ssa Anna Catalucci. Ha aperto la seduta l’intervento del Coordinatore cittadino, dott. Giovanni Lipari, che ha introdotto anche gli altri relatori: i due giovani Valentina Parrino e Salvatore Senia, e poi alcuni membri del comitato: Alessandra Mangano, Francesco Ruvolo, Antonino Vallone, Gino Milazzo.

Nei loro interventi sono stati toccati vari punti che caratterizzano la nuova proposta della Lista “Sturzo Presidente”, primo tra tutti la questione morale, poi il rilancio dei valori costituzionali, quali: la giustizia sociale, la famiglia, il lavoro e la piena occupazione, la partecipazione democratica, la tutela del territorio.

Infine, preceduta da un breve saluto/intervento di un’altra candidata della stessa lista, la teologa Mariella Pompei di Castelvetrano, ha preso la parola la candidata alcamese dott. Catalucci, che ha sottolineato il valore del voto, soprattutto di quello libero, come strumento di democrazia e di cambiamento, come un diritto-dovere, che proprio in
questo momento, in cui si è così delusi dalla sporca politica, rischia di non essere esercitato da tante persone sfiduciate.

A conclusione la graffiante satira politica di Giuseppe Bongiovanni con le news di “Radio Chiazza”, che ha stigmatizzato la nascita delle “putie” (negozi) elettorali che nelle principali vie di Alcamo prendono il posto di quei negozi chiusi proprio a causa della crisi e della cattiva politica. Anche lui ha invitato tutti a uscire dal bisogno che
chiede favori e ad essere Liberi e Forti.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteFundarò: mozione per l’attivazione del “bike sharing”
Articolo successivoAngelo Rocca lascia l’UDC
Eva Calvaruso
Eva Calvaruso, classe 1984, vive ad Alcamo, spirito da ventenne e laurea in Economia. Animo hippie e fan sfegatata di Guccini. Curiosità, passione e una continua ricerca della verità l’hanno spinta a diventare una giornalista.