Il Bonifato può rinascere grazie agli alcamesi

642

ALCAMO- Si è svolto ieri pomeriggio l’incontro del gruppo “SalviAmo il Monte Bonifato” che ha riscontrato una buona affluenza di cittadini interessati alle problematiche ambientali della nostra città. Presenti un centinaio di attivisti, tra cui anche rappresentanti di alcune associazioni che si sono occupate nel passato, e continuano ancora oggi, della cura del Monte Bonifato. Tra i partecipanti anche l’Assessore Massimo Fundarò il quale ha proposto di presentare richiesta al prossimo governo regionale affinchè la gestione del Bosco d’Alcamo venga affidata al Comune. Oltre agli interventi propositivi, l’incontro ha poi seguito una linea simbolica: i più piccoli infatti hanno piantato degli alberelli a cui è stato dato il loro nome, a testimonianza che la speranza  di un cambiamento vive nelle generazioni future.

L’idea di piantare nuovi alberi è stata inoltre presa in considerazione anche dal dirigente scolastico dell’istituto V. F. Allmayer, Vito Emilio Piccichè, il quale ha dichiarato di essersi mobilitato con un progetto per l’istituto magistrale affinchè sia il “fare per la collettività” a contraddistinguere l’atteggiamento di riscostruzione di un bene andato distrutto. Per questo Piccichè chiede alla Provincia di affidare all’istituto Allmayer una parte della pineta per mettere in atto una vera e propria opera di rimboschimento. Una vera iniziativa di educazione e formazione di coscienze sensibili alle tematiche ambientali e al contempo un modo per disincentivare un ripetersi di queste azioni da parte di eventuali piromani.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteSucameli incontra i colleghi dei Vigili del Fuoco di Pantelleria
Articolo successivoPrima edizione del concorso “Poeti per la pace”