Strano modo a Trapani di assegnare le supplenze

1061

TRAPANI. Ogni anno l’inizio della scuola segna per i precari il toto “dove finisco? “nel senso che prima di assegnare le supplenze si avvia una procedura che solitamente ha un preciso schema, e dei tempi:prima le cattedre date dagli ex provveditorati, incarichi annuali di solito, poi i posti rimasti o gli spezzoni di ore vengono ritornati ai dirigenti che operano una successiva assegnazione delle cattedre agli aventi diritto. Bene, o anzi male, quest’anno giunge notizia che questa procedura non è stata attivata secondo questa prassi ma da subito si è demandato tutto ai singoli dirigenti. Potrebbe sembrare un’inezia questa discussione ma chi è dentro la scuola sa bene che non è così: gli incarichi annuali in provveditorato sono da graduatoria permanente , mentre quelli dei dirigenti da graduatoria di circolo;poi una seduta pubblica di assegnazione di cattedre garantisce un minimo di conoscenza della situazione generale che favorisce la trasparenza delle operazioni. Un supplente non riesce a tenere sotto controllo tutte le possibilità di lavoro delle scuole della provincia. Insomma la procedura adottata quest’anno non è quella canonica, per precisione bisogna dire che seguendo questa procedura non si attribuiscono incarichi annuali ma provvisori aspettando la normale prassi:altro grave danno alla scuola e ai precari perchè non si garantisce l’inizio dell’anno scolastico con stabilità di docenti e si danneggiano anche gli studenti che vedranno un susseguirsi di insegnanti prima di conoscere quello che vincerà la sua personale lotteria annuale.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteStamattina presentazione candidati PDL trapanesi
Articolo successivoLa solidarietà del sindaco ai cittadini di Castelvetrano