Aricò dice no alla trivellazione dei mari siciliani

455

Aricò, assessore regionale all’ambiente, ha sposato la causa di Greenpeace che vuole bloccare le trivellazioni nei mari siciliani. L’assessore ha raggiunto la piattoforma petrolifera Perla con i volontari e da lì ha ribadito: “La Sicilia non solo e’ uno dei maggiori produttori di carburante per l’Italia ma anche dal punto di vista delle raffinerie siamo ai primi posti, cio’ nonostante il prezzo del carburante in Sicilia e’ il piu’ elevato tra le regioni italiane. Inoltre le trivellazioni nel mare Mediterraneo espongono i nostri mari ad una serie di danni ambientali nel tempo irreversibili. Fermiamo allora l’estrazione di petrolio e tuteliamo il nostro mare e le nostre coste, promuovendo energia pulita e biosostenibilita’, che e’ l’unica via da percorrere per il nostro futuro e quello dei nostri figli”.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteArmao presenta il programma di dismissione immobili
Articolo successivoDamiano invita al risveglio della coscienza civica
Simona De Simone
Simona De Simone, psicologa e psicoterapeuta. Divoratrice instancabile di libri e del buon cibo. Appassionata di scrittura e mamma di Alqamah sin dal principio.