Ai beni culturali 6000 forestali stagionali

587

PALERMO – Ieri mattina, a Palazzo d’Orleans, è stato presentato un protocollo d’intesa interdipartimentale che coinvolgera’ gli assessorati della Regione siciliana ai Beni culturali, alle Risorse agricole, all’Energia, al Territorio e alla Formazione.  Circa seimila operai forestali stagionali saranno impiegati nei lavori di manutenzione, custodia e accoglienza dei siti archeologici siciliani e delle aree di maggiore pregio naturalistico. Infatti, ha spiegato l’assessore al Territorio, Alessandro Arico’: “Il pre – Cipe (Comitato interministeriale per la programmazione economica) ha gia’ autorizzato la spesa per coprire 50 giornate in piu’ di lavoro per i centunisti. Cio’ significa che, finita la stagione antincendio, il personale potra’ essere impiegato, nella manutenzione dei siti archeologici, da novembre a fine dicembre”.

Questo ci consentira’ – ha sottolineato l’assessore ai Beni culturali, Amleto Trigilio – di risparmiare circa 700 mila euro all’anno, che corrispondono al budget destinato normalmente alla manutenzione ordinaria, e di distribuire, in modo piu’ efficace, quel patrimonio umano spesso poco valorizzato, come gia’ accade nella riserva di Pantelleria, la cui custodia e’ affidata ai lavoratori dell’Azienda foreste demaniali e del Corpo forestale.

Si sta valutando anche la possibilita’ di utilizzare il personale nei musei. Naturalmente, tutto di concerto con le organizzazioni sindacali”.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteDa Ottobre partire da Palermo costerà circa sei euro in più
Articolo successivoIncontro co Turi Simeti