Festival musica Brut(t)e:”Scrusci” dal 24 al 25 Agosto

697

ALCAMO – Prenderà il via il 24 e 25 Agosto, il festival internazionale di musiche “Brut(t)e”, presso i ruderi della Chiesa dell’Annunziata ad Alcamo. La manifestazione èrivolta ad un pubblico in cerca  prodotti sonori non convenzionali è organizzata dall’associazione culturale Mimema.

La serata del 24 agosto si aprirà con il duo @Hanoi composto dai fiorentini Edoardo Ricci (ance, trombone, elettronica, circuit bending) e Stefano Bartolini (ance, elettronica, circuit bending, oggetti sonori) che si esibiranno in una improvvisazione radicale basata sull’interazione tra suoni acustici ed elettronici. Seguirà un solo sciamanico del batterista scozzese Ken Hyder (voce, batteria, oggetti sonori), famoso per aver coniugato musica folk, celtica ed etnica con quella jazz. La terza proposta della serata sarà il duo Camusi, composto da Stefano Giust (batteria) e Patrizia Oliva (voce, elettronica) che lavorano sull’unione di loop vocali e ritmi percussivi scegliendo l’improvvisazione libera come modalità espressiva.
Chiuderà la serata l’elettronica di Hatori Yumi, musicista e sperimentatore palermitano di nuova generazione.

Il 25 agosto il festival presenterà invece lo spettacolo A Living Score del musicista inglese Illi Adato e la danzatrice siciliana Lavinia Cascone che si esibiranno con alcuni musicisti e performer locali in una interazione tra musica e danza.
Seguirà il progetto sperimentale Empirical Evidence del siciliano Aldo Ammirata, che in solo connetterà suoni preregistrati e manipolati a suoni di strumenti tradizionali traendo spunto dagli studi del prof. E Sarafin sulle intrusioni anomale non codificabili secondo il cifrario di Vernam. Il romano Roberto Fega ci intratterrà invece con un solo di elettronica e sensori fluttuanti, stratificando suoni provenienti dal mondo e dalla sua memoria.
Concluderà la serata una jam session dello Scrusci Ensemble, momento di scambio e interazione musicale aperto a tutti gli artisti che hanno partecipato al festival.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteIl Triangolare dell’Amicizia darà qualche risposta
Articolo successivoA Calatafimi “Dipingi la legalità”