La Sicilia resta a terra

741
“Wind Jet rappresenta una risorsa ed una opportunita’ irrinunciabile per la Sicilia. Difendere la societa’ significa difendere gli interessi dei siciliani e denunciare come inqualificabile il comportamento di Alitalia e’ il minimo che si possa fare”. Queste sono le parole del vice presidente della regione siciliana, Massimo Russo in riferimento alla situazione che vede bloccarsi i voli Wind Jet dopo un trattativa con Alitalia per una integrazione.  Lo stesso Russo continua: “Il governo nazionale deve avere memoria di cosa si fece per Alitalia, la politica nazionale siciliana faccia ora la sua parte facendo sentire la sua voce di protesta. Il governo regionale, se gli sara’ consentito dalle leggi che regolano gli aiuti di stato, non sara’ assente se Pulvirenti chiedera’ un intervento”.
Il caso: Dopo un sabato di trattative intense con Alitalia per una integrazione (poi interrotte) ed Enac, e una giornata di passione negli aeroporti, la compagnia low cost ha deciso di sospendere l’operatività in tutti gli scali. Sarebbero sorti anche problemi per l’approvvigionamento del carburante. Alcuni mezzi sarebbero già stati riconsegnati alle società di leasing, in Irlanda. Fonti Enac confermano lo stop ai voli, precisando che si tratta di una decisione della compagnia aerea.
CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteAl via la quarta edizione di Nuove Impressioni
Articolo successivoMicciché contro Castiglione e il centrodestra rischia di fermarsi nella corsa alla Presidenza della Regione
Eros Bonomo
Eros “Libero” Bonomo, Giornalista siciliano, vive ad Alcamo, il cui lavoro è incentrato su Passione, Rispetto e Indipendenza, così da informare al meglio i cittadini. Grande “divoratore” di Dylan Dog, musica e libri, in particolare di storia politica. Motto: “Non sarai mai solo con la schizofrenia”.