Omicidio a Trapani: è stato il marito

812

TRAPANI – Svolta nelle indagini dell’omicidio di Maria Anastasi, 29enne trapanese barbaramente assassinata al nono mese di gravidanza.

Dopo ore di racconti pieni di contraddizioni gli inquirenti avrebbero fermato il marito, Salvatore Savelli con l’accusa di omicidio. L’uomo a seguito di un litigio avrebbe prima tramortito la donna, dandole un colpo in testa con un bastona, tramortendola, e poi le avrebbe dato fuoco.

Il cadavere semicarbonizzato era stato rinvenuto nel pomeriggio di ieri nelle campagne di Erice.

A denunciare la scomparsa della donna era stato lo stesso Savelli che, rientrato a casa senza la moglie, aveva raccontato ai figli di non sapere dove fosse la madre. Poi sempre i figli, avrebbero fatto pressioni affinchè si denunciasse la scomparsa di Maria Anastasi.

Durante l’interrogatorio, l’uomo avrebbe dapprima raccontato di essere uscito in macchina con la moglie e gli altri tre figli adolescenti della coppia e di essere sceso dalla macchina per accompagnarli a fare pipì. Allontanatosi dal veicolo, avrebbe sentito lo sportello della macchina richiudersi e, tornato dov’era parcheggiata, non avrebbe più trovato né l’auto né la moglie.

La versione dell’uomo, sebbene Savelli avrebbe convinto i  figli a confermare il suo racconto, è stata poi smentita dagli stessi adolescenti che, in realtà, non erano con i genitori al momento della scomparsa della madre.

L’uomo avrebbe poi cambiato versione, dicendo di essere andato in campagna sono con la moglie, la quale doveva incontrare il suo amante per interrompere una fantomatica relazione extraconiugale che la donna aveva da tempo. L’ennesima menzogna, secondo gli inquirenti, che hanno accertato che ad avere una storia parallela era l’uomo, che, fra l’astro, da mesi aveva imposto alla moglie e ai figli la convivenza con l’ amante, che era andata a vivere nella loro casa. A confermare l’esistenza del rapporto extraconiugale del presunto assassino è stata la stessa amante, sentita dai carabinieri. Il provvedimento di fermo, disposto dal procuratore Marcello Viola, dovrà essere convalidato nelle prossime ore dal gip di Trapani.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteL’Arpa siciliana monitorerà l’alga tossica
Articolo successivoCanzuni D’Amuri un classico innovativo
Eva Calvaruso
Eva Calvaruso, classe 1984, vive ad Alcamo, spirito da ventenne e laurea in Economia. Animo hippie e fan sfegatata di Guccini. Curiosità, passione e una continua ricerca della verità l’hanno spinta a diventare una giornalista.