Riaperta l’indagine sull’omicidio di Pio La Torre

660

PALERMO – E’ stato riaperto il caso sull’omicidio dell’ex segretario regionale del PCI, Pio La Torre, assassinato il 30 aprile del 1982 insieme al suo collaboratore Rosario Di Salvo. L’ipotesi è quella di probabili mandanti esterni al delitto di La Torre. L’appello fatto da diversi intellettuali e giuristi è stato recipito dalla Procura di Palermo che ha deciso di riaprire il caso.

Pare che Pio La Torre pochi giorni prima di morire volesse consegnare dei documenti da far esaminare a cinque professori universitari. Questi documenti e appunti personali non furono  più consegnati ai docenti dopo la tragedia. Secondo La Torre questi documenti avrebbero fatto chiarezza su alcuni misteri come quello della strage di Portella della Ginestra e i “collegamenti e rapporti tra Stato e mafia”.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteCosta:di nuovo sotto processo
Articolo successivoLibera organizza un sit-in per esprimere la propria posizione
Marcello Contento
Marcello Contento nasce a Palermo nel 1982, vive la sua vita tra la Sicilia e la Toscana. Giornalista, insegnante di economia aziendale e lettore incallito di Tex e Alan Ford.