Pallacanestro Trapani in finale, intervista ad Ariel Svoboda

789

TRAPANI – Intervista ad Ariel Svoboda,  cestista argentino, guardia.

A  distanza di pochissime ore dalla finale play off con l’Acireale, quali sono le tue aspettative per questa gara importantissima?

Senza dubbio il traguardo raggiunto è stato frutto di un ottimo lavoro, mio e della squadra,  ma adesso è piena la consapevolezza che domenica affronteremo una squadra temibilissima, l’Acireale, che puo’ contare su giocatori d’espienza e di qualità del calibro di Naso, Di Dio e Leoncavallo. Senza dubbio queste ore che precedono la vigilia sono ore in cui tutta la squadra sta mantendendo alta l’attenzione e la concentrazione

Qual’è la condizione fisica della squadra?

A mio parere, il team ha lavorato sodo in questi giorni; gli allenamenti giornalieri e l’atmosfera che si è creata all’interno del  grupppo  dimostrano come la condizione fisica della squadra è ottimale. I compagni sono sereni e non vi confido che contiamo tantissimo sui nostri supporters che speriamo possano riempire, domenica, il Paladespar di Trapani. Abbiamo veramanete bisogno del loro sostegno. Speriamo che la passione verso la Pallacanestro Trapani possa pienamente riaccendersi.

Come giudichi la stagione che si sta ormai concludendo?

Abbiamo dominato l’intero campionato senza subire nessuna sconfitta, i numeri parlano dunque chiaro. E’ stato un campionato lungo che ancora non è terminato. Adesso però il gruppo è chiamato ad uno sforzo supplementare, quello finale che deve produrre la vittoria decisiva di un’intera stagione. Sono certo che la squadra saprà trovare la concentrazione e la’tteggaiamento giusto per centrare il nostro obiettivo, la promozione. Abbiamo lavorato per tagliare il traguardo, questo è il momento di concretizzare il lavoro di una stagione esaltante.

Come ti stai preparando per questa finalissima?

Sinceramente cerco di mantenere la giusta concentrazione e vi confindo che voglio vincere ancora dopo la stupenda conquista della coppa italia e magari mantenere l’imbattibilità in questa stagione. Speriamo bene, noi daremo il massimo.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedente“Sicilia ritrovata”. Mostra d’arte al Museo Diocesano di Monreale.
Articolo successivoCentorrino: “Sicilia modello virtuoso didattica antimafia”