Palatofino: il Bar Enzo Trapani vince il primo premio come miglior calzone

2517

MARSALA – Si sta svolgendo in questi giorni a Marsala Palatofino, manifestazione che promuove il gusto popolare attraverso una serie di sondaggi e iniziative. A vincere il premio per il miglior calzone di Marsala il Bar Enzo Trapani, che dopo aver vinto il premio per il miglior cornetto nel 2011, trionfa anche in questo sondaggio. Molto netto nei numeri il risultato, che ha visto il Bar Enzo Trapani superare il 50% dei consensi. Tra i segnalati anche l’Oasi Bar, la Dolce Vita, Allegra e la Pasticceria Enzo & Nino.

Grande soddisfazione per questo nuovo successo da parte del titolare Vincenzo Trapani, che ha ricordato l’importanza della scelta degli ingredienti nella qualità del calzone e, in più in generale, della sua rosticceria.

Proseguono, nel frattempo, i preparativi per il gran finale della manifestazione enogastronomica Palatofino. A fine luglio si terrà una serata di degustazione con i prodotti premiati a Marsala in questi due anni. Al contempo, si continua a lavorare anche per una mappa del gusto, che mira a valorizzare il patrimonio enogastronomico locale e a diffondere le eccellenze del territorio attraverso delle indagini sui gusti degli abitanti.

Per il mese di giugno sta invece per partire l’ultimo sondaggio di quest’anno: Qual è il cappidduzzo più buono di Marsala? Votare è semplice: basta collegarsi sul sito di Palatofino oppure sul profilo Facebook e scrivere il nome dell’esercente preferito.

Palatofino è un’iniziativa promossa dall’associazione Culturale Marsalab in collaborazione con l’agenzia Communico, con il patrocinio della Provincia di Trapani e i media partner: Marsala C’è e Radio Itaca.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedente“Slow Sea Land”: fiera internazionale dello slow food a Mazara del Vallo
Articolo successivoIL 2 GIUGNO DI LIBERA
Eva Calvaruso
Eva Calvaruso, classe 1984, vive ad Alcamo, spirito da ventenne e laurea in Economia. Animo hippie e fan sfegatata di Guccini. Curiosità, passione e una continua ricerca della verità l’hanno spinta a diventare una giornalista.