Si autodenuncia l’imprenditore alcamese che aveva consegnato una “mazzetta” al sindaco di Pantelleria

730

Il sindaco di Pantelleria è stato arrestato nei giorni scorsi per aver intascato una mazzetta di 10 mila euro dall’imprenditore alcamese Ernesto Emmolo. Proprio l’imprenditore si è autoaccusato di aver consegnato al sindaco soldi e gioielli, essendo proprietario di una gioielleria proprio ad Alcamo, come “regalo” per ottenere in cambio l’assunzione del figlio, ingegnere idraulico, con un incarico a tempo indeterminato.

Altri 40 mila euro sarebbero stati versati se il contratto avesse avuto buon fine e si fosse trasformato in definitivo. Altre indagini sono tuttora in corso, per eventuali altri episodi di corruzione, ma quelle finora svolte hanno permesso di filmare alcuni incontri tra il Sindaco e l’ imprenditore e accertare il reato commesso dal primo cittadino di Pantelleria.

Alberto Di Marzo era stato eletto a sindaco dell’isola siciliana come esponente di una lista civica.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedentePresentazione giunta a Erice
Articolo successivoRientrata la ragazza scomparsa nella notte da Erice
Simona De Simone
Simona De Simone, psicologa e psicoterapeuta. Divoratrice instancabile di libri e del buon cibo. Appassionata di scrittura e mamma di Alqamah sin dal principio.