Arrestato il sindaco di Pantelleria per “mazzetta” da alcamese

507

PANTELLERIA – In manette il sindaco di Pantelleria, Alberto Di Marzo, eletto con una lista civica, con l’accusa di corruzione aggravata. Attualmente gli sono stati concessi i domiciliari.

Ad eseguire il provvedimento, chiesto dalla Procura di Marsala e firmato dal Gip, sono stati i carabinieri del Nucleo investigativo di Trapani. Secondo l’accusa, avrebbe intascato una ”mazzetta” di 10 mila euro da un imprenditore edile di Alcamo per assumere il figlio come dirigente di un settore dell’amministrazione comunale. A “saldo dell’acquisto” l’imprenditore avrebbe dovuto versare altre 40 mila euro ma, considerando che l’assunzione non è mai avvenuta, la denuncia è arrivata da parte dello stesso imprenditore, che ha deciso di autodenunciarsi, facendo così scattare l’indagine nei confronti del primo cittadino dell’isola trapanese.

I Carabinieri hanno eseguito alcune perquisizioni presso gli uffici del sindaco e di alcuni dirigenti e funzionari del comune.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteErrante sindaco di Castelvetrano
Articolo successivoErice: Tranchida nomina la giunta
Eva Calvaruso
Eva Calvaruso, classe 1984, vive ad Alcamo, spirito da ventenne e laurea in Economia. Animo hippie e fan sfegatata di Guccini. Curiosità, passione e una continua ricerca della verità l’hanno spinta a diventare una giornalista.