Le accuse del pentito al Presidente Lombardo

685

“Due settimane prima dell’incontro di calcio Catania-Albinoleffe, nel 2006 Salvatore Vaccalluzzo, morto anni fa, che si occupava del commercio di calzature, uno dei più grossi usurai di Catania, mi disse che la segretaria o il segretario di Raffaele Lombardo, non ricordo bene, gli aveva mandato un sms chiedendo un appoggio politico e poi Vaccalluzzo mi disse ‘io non gliene do. In passato gli ho chiesto un lavoro per mia figlia, laureata in medicina, ma lui non ha mantenuto la promessa’”. Questa è solo una parte della deposizione, in videoconferenza,  del pentito Gaetano D’Aquino, nel processo per voto di scambio contro il presidente della Regione, Raffaele Lombardo (presente in aula), e suo fratello Angelo, deputato nazionale Mpa. Le accuse sono pesanti e se confermate faranno perdere valore alle norme e decisioni, del Governo Regionale, che sembrano aver limitato o eliminato l’infiltrazione mafiosa in alcuni campi.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedentePalermo, confronto sulla legalità
Articolo successivoBando di Gara per la sicurezza della strada per Alcamo Marina
Eros Bonomo
Eros “Libero” Bonomo, Giornalista siciliano, vive ad Alcamo, il cui lavoro è incentrato su Passione, Rispetto e Indipendenza, così da informare al meglio i cittadini. Grande “divoratore” di Dylan Dog, musica e libri, in particolare di storia politica. Motto: “Non sarai mai solo con la schizofrenia”.