Obbligo della raccolta degli escrementi depositati dai cani sul suolo pubblico o di uso pubblico

1198

ALCAMO – Per evitare di incorrere in problemi di carattere igienico – sanitario ma, soprattutto, per rispettare un dovere civico la raccolta degli escrementi degli animali da parte dei padroni dovrebbe essere una prassi del tutto spontanea. In realtà la rimozione degli escrementi depositati dai cani su marciapiedi, strade, aree verdi, giardini, parchi, zone attrezzate per bambini ed altre aree pubbliche o di uso pubblico è un obbligo. Con un’ordinanza del Comune di Alcamo è stata resa nota la possibilità di incorrere nelle sanzioni amministrative per quanti non rispettino tale disposizione.

I proprietari dovranno quindi munirsi di apposita paletta, pinza o altro prodotto similare adatto allo scopo, nonchè di idonei involucri o sacchetti impermeabili, per la raccolta delle feci eventualmente depositate dai cani negli spazi pubblici; provvedere all’immediata rimozione degli escrementi prodotti dai propri animali facendo uso della suddetta attrezzatura; depositare le feci, raccolte e introdotte negli appositi sacchetti impermeabili e chiusi, nei cestelli portarifiuti.

In tal senso gli organi di vigilanza sono tenuti a richiedere agli accompagnatori dei cani la dimostrazione del possesso della paletta o di altra attrezzatura idonea.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteGaspare Noto commissario del Consorzio per lo sviluppo industriale
Articolo successivoGrave incidente allo svincolo autostradale Alcamo Est
Eva Calvaruso
Eva Calvaruso, classe 1984, vive ad Alcamo, spirito da ventenne e laurea in Economia. Animo hippie e fan sfegatata di Guccini. Curiosità, passione e una continua ricerca della verità l’hanno spinta a diventare una giornalista.