Alcamo, crisi o semplice incidente di percorso

318

La sconfitta, giusta, col Ribera, ha fatto capire che l’Alcamo non è la macchina da guerra che tutti si aspettavano. Tutti davano per certa la promozione della squadra alcamese, ma dopo Ribera si sono ricreduti, sbagliando, perché a parere di alcuni, questa sconfitta servirà per far ritornare con i piedi per terra l’ambiente dell’Alcamo e spingerà tutti al realismo e al lavoro duro: allenarsi e poi allenarsi. Tutto ciò per dare risposte giuste a tutti quei tifosi che hanno creduto e credono in questa squadra. Non si risentano i giocatori per le dure critiche, i tifosi lo fanno per dare una scossa all’ambiente. Naturalmente le colpe non sono mai di un soggetto o di un gruppo, ma di tutti, compresa la società. Alcuni tifosi si aspettano pugno duro da parte della società nei confronti dei giocatori, dell’allenatore e il suo staff, perché devono, tutti, svegliarsi. La società non deve interpretare queste critiche come lo sfogo di eccentrici tifosi, ma come un malessere tipico di chi tiene alla propria squadra e ne soffre se non la vede vendere l’anima per la maglia che indossa. e si arrabbiano, anche, perché vengono ben pagati e devono comportarsi da professionisti.

Quindi tutti uniti e combattivi si va la match di domani per sperare ancora. Appuntamento al Lelio Catella, contro il Riviera Marmi, squadra molto compatta e concreta, altra bestia nera dell’Alcamo, tutti ricordano il match che ha visto vincente il Riviera e fuori dalla Coppa L’Alcamo.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteIncendiato “DiPiù casalinghi” in contrada Gammara
Articolo successivoIl presidente Turano alla BIT
Eros Bonomo
Eros “Libero” Bonomo, Giornalista siciliano, vive ad Alcamo, il cui lavoro è incentrato su Passione, Rispetto e Indipendenza, così da informare al meglio i cittadini. Grande “divoratore” di Dylan Dog, musica e libri, in particolare di storia politica. Motto: “Non sarai mai solo con la schizofrenia”.