Il rischio mascherato: Carnevale in sicurezza.

955

CASTELVETRANO – Il Carnevale è una festa molto amata soprattutto dai più piccoli, ma è anche un’occasione da festeggiare in sicurezza. E’ per questo che il Ministero della salute invita gli adulti, in particolare i genitori, a fare attenzione alle insidie che possono nascondersi dietro le maschere, i costumi e i gadget venduti in occasione del Carnevale. Proprio sulla scia del comunicato del Ministero della Salute, che il Sindaco della città di Castelvetrano, Dr. Gianni Pompeo, rende noto che è stata emessa un’ordinanza che pone il divieto, su tutto il territorio comunale, della vendita e dell’utilizzo di maschere, costumi, gadget e bombolette spray contenenti sostanze facilmente infiammabili, oltre che sostanze irritanti per gli occhi e per la pelle.  In caso di maschere, i pericoli maggiori sono legati al soffocamento e al rischio chimico per la presenza di ftalati, sostanze tossiche per la riproduzione, assoggettate a restrizione europea. Per quanto riguarda i costumi, sono spesso in materiale sintetico e possono prendere fuoco facilmente. L’ordinanza nasce dalla constatazione  che da alcuni anni si è affermato il malcostume di utilizzare, in occasione della manifestazioni carnevalesche, maschere, costumi e bombolette spray, che emettono sostanze schiumogene e filanti, le quali arrecano fastidio e risultano potenzialmente pericolose in quanto contenenti gas e facilmente infiammabili, oltre che sostanze irritanti per gli occhi e per la pelle.  Considerata la necessità di evitare che vengano venduti detti prodotti, vi consigliamo di visionarne l’elenco completo, corredato di foto e marche, nel sito del Ministero della Salute (www.salute.gov.it/sicurezzachimica). Maggiori informazioni possono essere acquisite consultando il dossier “il rischio mascherato” che è reperibile sul sito: www. governo.it/notizie/ministeri. Ricordiamo che è possibile tracciare una mappa dei rischi più comuni nei quali si sono imbattuti negli ultimi anni i consumatori europei, analizzando i dati raccolti nel RAPEX, il sistema di allarme rapido attraverso il quale gli Stati membri dell’Unione europea condividono le informazioni sui prodotti che possono minacciare la salute e la sicurezza dei consumatori e le disposizioni messe in atto a livello nazionale.

L’ordinanza del comune di Castelvetrano rimarrà in vigore da sabato 18  a martedì 21 febbraio. La violazione della presente ordinanza è punita con sanzione amministrativa pecuniaria di euro 150,00.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteLe sette città del sale italiane stipulano un protocollo d’intesa
Articolo successivoTruffe all’università: “Tra gli indagati anche due alcamesi”