Il sindaco di Trapani contro il sistema ATO

679

TRAPANI – Il Sindaco di Trapani, Girolamo Fazio, interviene sul recente scontro tra il Comune di Erice e l’ATO Terra dei Fenici: “Leggo con piacere che il Sindaco di Erice si è finalmente accorto delle disfunzioni dell’ATO, di cui fu tra i più accaniti sostenitori perché entrasse in funzione il più presto possibile” – ed aggiunge – “Quando,
anni fa, evidenziavo che il sistema sarebbe stato fallimentare e che le ricadute sui cittadini
sarebbero state pesantissime sono rimasto inascoltato. Era fin troppo evidente il risultato
che oggi la Corte dei Conti rende noto e che l’ATO di Trapani, al pari degli altri ATO,
avrebbe rappresentato solamente l’ennesimo carrozzone, determinando un costo aggiuntivo
a carico dei cittadini, con vantaggi praticamente inesistenti. Era evidente, ma in quella fase sono prevalsi altri interessi, come per esempio quello di “liberarsi” degli LSU dei Comuni, “scaricandoli” sull’ATO”.

“La scure della Corte dei Conti sulla gestione dell’ATO trapanese, che passa dai circa
300 mila euro di debiti nel 2007 (dato già di per se’ anomalo visto che allora l’ATO non
svolgeva alcuna attività) agli oltre sette milioni di euro di debiti nel 2009 conferma che
il sistema ATO è fallimentare. Bisogna vedere quali dei vantati crediti per sei milioni
di euro sono realmente esigibili. Il milione e passa di euro del Comune di Erice? Mi
pare improbabile ed è appena il caso di evidenziare che se tale somma non potrà essere
recuperata, il debito contratto dall’ATO con l’Aimeri sarà pagato dagli altri Comuni”.

Infine, il Sindaco Fazio evidenzia che “Per quanto riguarda la tassa dei rifiuti, non bisogna creare confusione ai cittadini e bisogna, correttamente, fare confronti tra dati omogenei: quindi, verificare qual è la tassa che si paga negli altri Comuni con la raccolta differenziata – indipendentemente dal metodo scelto per tale raccolta – e quale la tassa che si paga a Trapani con la raccolta differenziata. Ebbene, a Trapani la tassa è suddivisa in questo modo: € 2,45 mq. (ECA – MECA e tributo speciale comprese) per chi non fa la raccolta differenziata; per chi fa la raccolta differenziata (con conferimento all’isola ecologica) ed ha raggiunto un quantitativo dai 100 ai 200 chilogrammi la tassa è € 1,71/mq, per chi supera invece i 200 chilogrammi, la tassa è di € 1,47/mq. Noi abbiamo scelto un sistema di incentivi e produciamo differenziata vera, l’ATO ha scelto un’altra strada e, a leggere i datidei ricavi – davvero irrisori – non mi pare che stia dando grandi risultati”.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteLa Giunta di Campobello si dimette!
Articolo successivoCrisi: Standard and Poor’s declassa la Sicilia.