La Provincia di Trapani fa un plauso all’operazione di sequestro di beni a imprenditore vicino a Messina Denaro

671

La brillante operazione condotta dalla divisione anticrimine della Questura di Trapani e dal nucleo della guardia tributaria della Guardia di Finanza, in merito al sequestro di beni per circa 25 milioni di euro, è stato accolto dall’intero consiglio Provinciale di Trapani con grande compiacimento. A nome mio personale e dell’intero Consiglio Provinciale, – afferma il Presidente Poma – avverto il dovere di esprimere vivo compiacimento e plauso per l’importantissima operazione che, oltre a confermare purtroppo l’impressionante vastità del dilagante fenomeno della corruzione nella nostra società e del nefasto intreccio tra certo mondo pseudo imprenditoriale e taluni ambienti di altrettanto pseudo politica, apre uno spaccato molto eloquente sul vero tessuto connettivo delle organizzazioni mafiose nel nostro territorio e che, fra l’altro, da circa un ventennio, consente al super boss Matteo Messina Denaro di mantenere, nonostante tutto, il suo status di latitante e di continuare ad esercitare pesanti condizionamenti di carattere politico-economico che bloccano ogni ipotesi di sviluppo della provincia di Trapani che si voglia fondare sul rispetto della legalità e delle normali regole del mondo del lavoro.

Lo stesso continua dicendo: “I numerosi risultati ottenuti in questi ultimi anni  ci debbono indurre a nutrire fondate speranze di cambiamento e ad esprimere il più sentito ringraziamento a quanti quotidianamente si spendono, con abnegazione e per solo spirito di servizio, per liberare il territorio della nostra provincia dal giogo che la fa sprofondare nell’abisso della mafia”.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteIn fiamme una BMW ad Alcamo
Articolo successivoLo Sporting Alcamo alza la testa