Le rivoluzioni arabe e il turismo

616

Le rivoluzioni che sono avvenute in gran parte dei paesi arabi hanno avuto conseguenze devastanti sul turismo del mediterraneo. In Egitto, Tunisia e Marocco i siti archeologici sono in piena crisi per il calo vertiginoso di turisti. Si tratta, certamente, della conseguenza di un clima di esasperata agitazione. Si tratta di un periodo di transizione per molti paesi, i quali stanno tentando di uscire da anni di regimi pressochè totalitari.

Si tratta di paesi dove di turismo vivono tantissime persone; tuttavia bisogna anche tenere presente quanto siano importanti queste svolte politiche nella storia di queste nazioni, perchè, benchè i siti archeologici potranno continuare ad essere visitati, a questi eventi si collega la possibilità di cambiamento e rinnovamento di un’ intera cultura.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteAppalto per la gestione del depuratore
Articolo successivoFondo Uditore, il covo del boss adesso è un Parco pubblico
Simona De Simone
Simona De Simone, psicologa e psicoterapeuta. Divoratrice instancabile di libri e del buon cibo. Appassionata di scrittura e mamma di Alqamah sin dal principio.