Previsto un rimborso ai comuni per la gestione dei beni confiscati alla mafia

400

PALERMO – L’assessore regionale per le Autonomie locali e la Funzione pubblica siciliano, Caterina Chinnici, ha firmato la circolare che stabilisce tempi e modalità per usufruire dei benefici previsti dalla legge regionale 15/2008.
Ai comuni è previsto uno stanziamento di 100mila euro l’anno per dieci anni e un rimborso massimo del 50% degli interessi sui prestiti contratti per finanziare gli interventi e le opere necessarie alla riutilizzazione e alla fruizione sociale dei beni confiscati alla mafia e assegnati agli stessi enti locali.
I Comuni siciliani interessati avranno tempo fino al 28 febbraio per presentare la richiesta al dipartimento delle Autonomie locali. La circolare sarà pubblicata sulla Gazzetta ufficiale della Regione e sul sito internet dell’assessorato.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteD’Alì contro la manovra di Monti
Articolo successivoAl Museo Diocesano esposto il sacro gruppo”Ascesa al calvario”