Giulia Adamo: “Sistema di assunzione dal sapore clientelare”. La replica dell’ASP

620

L’Azienda sanitaria provinciale di Trapani assumerà nuovo personale, non facendo riferimento ad una graduatoria per titoli, ma demandando il tutto a un soggetto esterno. Questo ha fatto infuriare il capogruppo dell’Udc all’ARS, Giulia Adamo, che ha espresso forte contrarietà, giudicando la stessa decisione “un fatto clamoroso e grave dal momento che la stessa azienda sanitaria aveva pubblicato una graduatoria per la selezione pubblica per titoli per “Ausiliario specializzato”. La Adamo si è spinta oltre giudicando tale sistema, che si vuole utilizzare, dal “sapore clientelare “, quindi la soluzione è “revocare immediatamente il bando per dubbi profili di legittimità”. Infine, ha sottolineato come “Ancora una volta ad essere schiacciato sarà il lavoratore e l’intero sistema sanitario. Il costo di una cooperativa, in linea di principio, è infatti superiore rispetto ad una assunzione diretta. Ci sono, oltre a quanto dovuto al lavoratore stesso, anche i costi di gestione della cooperativa”.

LA REPLICA DELL’ASP: Il bando in questione è legittimo in quanto rispondente alla normativa di settore;
Lo stesso bando si riferisce a servizi di supporto logistico e a servizi integrativi e non si configura come assunzione di personale;
Trattasi di una procedura in itinere, che non consente di individuare ad oggi il futuro ed eventuale soggetto giuridico che si aggiudicherà l’appalto.

Inoltre si porta all’attenzione quanto noto in letteratura, in merito all’esternalizzazione dei servizi da parte degli enti pubblici, considerata elemento strategico per lo sviluppo del territorio. Tant’è che tale procedura viene regolarmente adottata come prassi nelle Aziende Sanitarie Nazionali e Regionali.
Questo approccio poco si presta ad essere rappresentato come un gioco al ribasso del valore del lavoro, bensì come una legittima scelta operativa, che permette alla Pubbliche Amministrazioni, all’interno di una valutazione costi/benefici, di produrre delle refluenze positive sia in termini di razionalizzazione delle risorse economiche, sia in termini di valorizzazione e di efficienza delle risorse umane. Certo è che il rischio dell’innescarsi di metodi clientelari su una procedura di acquisto avviata da una Pubblica Amministrazione, è sempre in agguato. Ma è altrettanto certo che, se tale meccanismo prende il soppravvento, la responsabilità va, di certo, ricercata in ambiti esterni alla Pubblica Amministrazione

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteEsonerato allenatore della Basket Alcamo?
Articolo successivoFormazione sanitaria per gli stranieri
Eros Bonomo
Eros “Libero” Bonomo, Giornalista siciliano, vive ad Alcamo, il cui lavoro è incentrato su Passione, Rispetto e Indipendenza, così da informare al meglio i cittadini. Grande “divoratore” di Dylan Dog, musica e libri, in particolare di storia politica. Motto: “Non sarai mai solo con la schizofrenia”.