Da quest’anno il biglietto per il presepe vivente di Balata di Baida anche online

1335

CASTELLAMMARE DEL GOLFO – Da quest’anno la tradizione e l’innovazione si affiancano nella sedicesima edizione del presepe vivente di Balata di Baida: da quest’anno sarà infatti possibile acquistare il biglietto anche sul sito internet dell’evento www.presepeviventebalatadibaida.com/ dove sono presenti anche consigli ed indicazioni stradali per raggiungere la località.

La pagina per l’acquisto del biglietto sarà attivata a giorni e permetterà di evitare la fila ai migliaia di visitatori che ogni anno affollano la messa in scena della Natività. Il presepe sarà inscenato proprio nel giorno di Natale, ma anche per Santo Stefano, e il 5, 6, 7 ed 8 gennaio, dalle 16,30 alle 21.

Il presepe è realizzato dall’associazione culturale “Balata club” con il patrocinio del Comune di Castellammare, in un luogo particolarmente suggestivo, un baglio “primo nucleo abitato della piccola frazione, tra fichi d’india, sommacchi, olivi e piante endemiche. Un viaggio nel mondo quotidiano del popolo contadino siciliano, alla scoperta di usi e tradizioni ormai lontane e spesso dimenticate. Le povere case ormai da tempo abbandonate tornano a vivere e, attorno, tutto un brulicare di gente indaffarata, di suoni, colori, sapori di un tempo”.

Accanto alle figure del passato siciliano non mancheranno certo i personaggi tradizionali del presepe, come i pastori, e naturalmente i re magi, che portano un tocco di esotismo con lo sfarzo dei loro costumi. E gli animali, parte viva e importantissima del presepe: l’ovile con le pecore, il porcile con la scrofa ed i maialini, il pollaio con le galline, cani, pavoni, oche, conigli, asini, cavalli per la gioia dei bambini.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteMarsala, muore anziano travolto da un’auto
Articolo successivoIncidente sul lavoro a Cerda. Muore un operaio AMAP
Eva Calvaruso
Eva Calvaruso, classe 1984, vive ad Alcamo, spirito da ventenne e laurea in Economia. Animo hippie e fan sfegatata di Guccini. Curiosità, passione e una continua ricerca della verità l’hanno spinta a diventare una giornalista.