Si travestiva da carabiniere per rapinare

506

PALERMO- In un periodo di grande crisi come questo che stiamo vivendo, riuscire ad arrivare a fine mese è una cosa quasi impossibile. E lo sapeva bene anche il furbo malvivente che ieri è stato finalmente fermato dalle forze dell’ordine. Quasi come un Lupin dei nostri giorni, aveva architettato un raffinato piano, curato nei minimi dettagli. Bussava, infatti, alle porte di ignari cittadini, spacciandosi per carabiniere e, sostenendo di dovere notificare degli atti giudiziari ed eseguire perquisizioni domiciliari alla ricerca di stupefacenti, si impossessava di denaro e gioielli.

Ma la carriera dell’ emulo di Lupin è finita molto presto e, ironia della sorte, per mano proprio dei carabinieri, quelli veri però. L’identità del “nostro” Lupin è stata così rivelata: si tratta di Gardino Giallanza Li Causi di 31 anni. E’ accusato di avere compiuto quattro rapine da giugno a luglio scorsi. Il ladro è stato identificato dagli investigatori grazie alle descrizioni fornite dalle vittime dei furti e confrontate con le foto segnaletiche nell’archivio dei carabinieri. I colpi avrebbero fruttato circa 70 mila euro. Nella sua casa, inoltre, sono stati rinvenuti, nascosti sotto il letto, un chilo e mezzo di hashish.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteMicciché-Lombardo, l’Eterno Amore, ma il PdL è geloso
Articolo successivoAulentissima, capitolo primo