Raggiunta un’eccellente sintesi sui punti nascita

427

PALERMO – Prima si dovranno potenziare i punti nascita che resteranno attivi, poi si penserà a chiudere quelli che non raggiungono i 500 parti annuali. E’ questa la conclusione raggiunta nell’incontro di ieri della commissione Sanità all’Ars.

“Un’eccellente sintesi che, non a caso, è stata raggiunta all’unanimità. Era importante comprendere e far comprendere ai cittadini che il piano di riconversione dei punti nascita, frutto di un lavoro approfondito portato avanti dagli esperti del settore, è stato adottato sulla base di evidenze scientifiche e per garantire la massima sicurezza delle mamme e dei loro figli”, commenta con soddisfazione l’assessore regionale per la Salute, Massimo Russo.

“Nel frattempo – ha concluso Russo – porteremo avanti il progetto “Isole Minori”, su cui c’è un’intesa di massima con il Ministero, che ha garantito appositi fondi con i quali daremo vita a un progetto innovativo, che sarà poi “esportato” nel resto d’Italia”.

Su tale conclusione, Raffaele Lombardo afferma: “La tutela della salute delle mamme e dei bambini, e più in generale dei siciliani, è sempre stata primaria per il governo della Regione. Essi rappresentano il nostro futuro e la loro sicurezza è una priorità assoluta. In questa ottica, la scelta di dar vita ad una nuova finestra temporale per garantire, allo stesso tempo, la sicurezza sanitaria, le esigenze del territorio e l’equilibrio finanziario del sistema dimostra come l’intero piano sanitario sia gestito, dal governo, con coscienza ed attenzione”.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteNuovo porto turistico di Marsala
Articolo successivoLa Sicilia ammessa alla sperimentazione del nuovo sistema contabile nazionale.
Eva Calvaruso
Eva Calvaruso, classe 1984, vive ad Alcamo, spirito da ventenne e laurea in Economia. Animo hippie e fan sfegatata di Guccini. Curiosità, passione e una continua ricerca della verità l’hanno spinta a diventare una giornalista.