Richiesta di rinvio a giudizio per il Sen. D’Alì

434

La Procura di Palermo ha giudicato necessaria la richiesta di rinvio a giudizio per il Sen. D’Alì, indagato per concorso esterno in associazione mafiosa. Non sono valse a niente le varie memorie e documentazioni difensive, poste in essere dal Sen. D’Alì: il processo inizierà e sempre con le stesse pesanti accuse.

La reazione del Senatore è sembrata un misto di rabbia e “rassegnazione”, che ha espresso con queste parole: “Sono una persona onesta e perbene. Non avrei mai immaginato che a stabilire ciò dovrà essere il giudizio di un tribunale, oltre quello dei cittadini, che mi conforta da sempre e con diverse espressioni manifestatomi. Ma va bene anche così”.

Non si è fatta attendere la solidarietà nei suoi confronti, in primis il Presidente della Provincia di Trapani, Mimmo Turano, che con un comunicato ha voluto ribadire stima per D’Alì e si è dichiarato sicuro che lo stesso sarà capace di dimostrare l’estraneità ai fatti contestatigli.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteDopo la sospensione, ritorna attivo il servizio di Guardia medica a Custonaci
Articolo successivoDeroga all’obbligo di chiusura domenicale
Eros Bonomo
Eros “Libero” Bonomo, Giornalista siciliano, vive ad Alcamo, il cui lavoro è incentrato su Passione, Rispetto e Indipendenza, così da informare al meglio i cittadini. Grande “divoratore” di Dylan Dog, musica e libri, in particolare di storia politica. Motto: “Non sarai mai solo con la schizofrenia”.