Lo sport dal volto umano riabbraccia Giorgio Costadura

675

TRAPANI – Quella che sta per essere raccontata non è una storia americana, dove l’eroe caduto in disgrazia si rialza perché ha dentro lo spirito della rivalsa.  La storia del cestista trapanese, Giorgio Costadura, è invece l’esempio di come gli affetti, l’amicizia e la passione siano i motori unici per vincere le guerre contro l’abbattersi e il vuoto interiore. In aprile, Giorgio Costadura (16 anni) fu colpito da un virus, che gli procurò un calo dell’udito, della vista e dell’equilibrio; di conseguenza,  fu portato di corsa in ospedale, dove fu ricoverato per dieci giorni. Intorno a lui l’affetto dei propri cari, degli amici, dei compagni di squadra e la vicinanza del mondo del Basket; tutto questo, oltre alla caparbietà di Giorgio, furono viatico positivo dei primi miglioramenti e poi della completa guarigione. Durante la gara interna casalinga del Basket Trapani di quei giorni, al Palailio fu esposto dai Trapanesi Granata uno striscione che fece emozionare i 4 mila spettatori presenti: “Giorgio, ti aspettiamo”.

Tutti l’hanno aspettato e lui è ritornato, più forte di prima. Subito aggregato alla prima squadra, alla prima occasione si è regalato e ci ha regalato un canestro da tre: questo è successo a Catania contro il Paternò, in cui è arrivato il suo primo canestro ufficiale.

In bocca al lupo, Giorgio!

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteCarabinieri arrestano due persone per traffico di rame
Articolo successivoVisite guidate nelle grotte di Santa Ninfa grazie alla manifestazione Salvalarte.
Eros Bonomo
Eros “Libero” Bonomo, Giornalista siciliano, vive ad Alcamo, il cui lavoro è incentrato su Passione, Rispetto e Indipendenza, così da informare al meglio i cittadini. Grande “divoratore” di Dylan Dog, musica e libri, in particolare di storia politica. Motto: “Non sarai mai solo con la schizofrenia”.