“Terraferma” porta la Sicilia agli Oscar

414

Il film di Crialese è pronto a fare il suo debutto negli Stati Uniti: ieri la Commissione di selezione istituita all’Anica lo ha scelto per rappresentare l’Italia per la notte degli Oscar come miglior film in lingua non in inglese. Il lungometraggio, già vincitore del premio speciale della Giuria alla Mostra del Cinema di Venezia, racconta dell’emergenza immigrazione attraverso immagini semplici, ma al contempo cariche di suggestioni.

“Aver scelto ‘Terraferma’ per rappresentare l’Italia alla più importante rassegna del cinema mondiale – afferma Raffaele Lombardo – consentirà di accendere i riflettori su quello che accade nelle isole Pelagie, su cui grava l’intero peso dell’emergenza migrazioni che fa rotta verso l’Europa”.

Lo dice il presidente della Regione per commentare la scelta del film come rappresentante italiano agli Oscar 2012, coprodotto dall’assessorato al Turismo della Regione siciliana, girato a Linosa.

“Quella di partecipare alla produzione di ‘Terraferma’ per la Regione siciliana è stata una scommessa vinta – commenta l’assessore regionale al Turismo, Daniele Tranchida – e il fatto che sarà proprio questo film a rappresentare l’Italia all’Oscar per noi ne è una conferma”.

“Un prestigioso riconoscimento – secondo l’assessore regionale all’Ambiente, Gianmaria Sparma, che ha coordinato l’ufficio della Giunta di governo per l’emergenza Lampedusa – non soltanto a un’opera di grande valore, sostenuta dalla Regione siciliana, ma anche alle isole Pelagie e alle loro popolazioni che da anni hanno fatto dell’accoglienza e della solidarietà una delle proprie peculiarità. Sono convinto che questo contribuirà al rilancio turistico di Lampedusa, dopo la crisi dovuta all’emergenza sbarchi”.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteBonus di 1.000 euro per la nascita di un figlio
Articolo successivoFasi finali del Concorso Internazionale per Cantanti lirici “Città di Alcamo”
Eva Calvaruso
Eva Calvaruso, classe 1984, vive ad Alcamo, spirito da ventenne e laurea in Economia. Animo hippie e fan sfegatata di Guccini. Curiosità, passione e una continua ricerca della verità l’hanno spinta a diventare una giornalista.