Papania candidato a Sindaco, frutto di accordi provinciali?

738

ALCAMO – Con UDC MPA e C., anche se non hanno grandissimi numeri, si vince, senza loro si perde. Potrebbe essere questo il ragionamento che vede il centrosinistra protagonista nel ricercare accordi elettorali e programmatici con il Terzo Polo, accordi che vedrebbero già decisi i candidati a sindaco in provincia di Trapani: Peppe Poma candidato sindaco nel capoluogo in quota Udc, Giulia Adamo candidata Sindaco a Marsala con il sostegno del Pd, mentre il Pd punta all’appoggio del Terzo polo per la riconferma di GiacomoTranchida ad Erice e l’elezione di Nino Papania ad Alcamo. Questo accordo provinciale darebbe ragione alle voci che da mesi vedono vicini Papania e Turano (UDC), Presidente della Provincia. Duro il compito del neo candidato a sindaco di Alcamo, cioè, come dicono molti cittadini e alcuni politici, far digerire l’indigeribile, il ritorno dei Turano nei palazzi del potere alcamese, da cui erano stati espulsi democraticamente, con il voto dei cittadini che ha sancito la fine di anni di malamministrazione. Chi ricorda le parole usate da parte del sindaco uscente Scala e del Senatore Papania nei confronti dei Turano, parole molto dure, non capirà per niente questo avvicinamento;  lo potrebbe “giustificare” pensando ad accordi di potere, che però non tengono conto della storia politico-amminsitrativa della Città di Alcamo.

Ma non preoccupiamoci; i buon reggenti provinciali dell’UDC non hanno escluso le primarie per decidere i candidati a sindaco. Cittadini pensate, potreste avere la possibilità di decidere voi il candidato a sindaco! Cose dell’altro mondo!

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteDialetto siciliano a scuola
Articolo successivoI misteri di Ustica
Eros Bonomo
Eros “Libero” Bonomo, Giornalista siciliano, vive ad Alcamo, il cui lavoro è incentrato su Passione, Rispetto e Indipendenza, così da informare al meglio i cittadini. Grande “divoratore” di Dylan Dog, musica e libri, in particolare di storia politica. Motto: “Non sarai mai solo con la schizofrenia”.