Ingroia accusa reticenza da parte dello stato sulle stragi del 93′

516

FIRENZE – Secondo il magistrato, Antonio Ingroia, durante le stragi del 93′ a Palermo “ci fu reticenza da parte di uomini dello Stato”. Lo ha detto alla Festa Nazionale di Libera a Firenze. Il procuratore aggiunto di Palermo, riapre un triste capitolo della storia del nostro paese, quello dell’intreccio tra mafia e politica. Infatti, secondo il magistrato, da oltre 20 anni non si è rilevata nessuna verità giudiziaria e  nessuna responsabilità da parte dei mandanti esterni delle stragi.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedentePD parte civile nel processo contro il boss Matteo Messina Denaro
Articolo successivoPresentato il programma estivo di Castelvetrano
Marcello Contento
Marcello Contento nasce a Palermo nel 1982, vive la sua vita tra la Sicilia e la Toscana. Giornalista, insegnante di economia aziendale e lettore incallito di Tex e Alan Ford.