Nessun provvedimento contro lo smog, Cammarata rischia due anni

412

PALERMO –  Diego Cammarata, sindaco di Palermo, Lorenzo Ceraulo e Giovanni Avanti, attuale presidente della provincia, sono accusati di omissione di atti d’ufficio e getto pericoloso di cose. L’inchiesta nasce da un’indagine sull’inquinamento del capoluogo siciliane e ha portato all’accusa dei tre esponenti politici e la richiesta di circa due anni di carcere per ciascuno. Dalle indagini sarebbe sorto un evidente disinteresse a contrastare l’elevato smog registrato in città. I provvedimenti previsti per il contrasto sono imposti dalla legge e secondo il pm e la procura, data anche la pericolosità degli effetti, non ci sono le attenuanti generiche per gli imputati. Il 14 luglio sarà emessa la sentenza. Parte civile al processo sono Legambiente e Wwf, che chiedono la condanna e 50 mila euro di risarcimento, e 31 vigili urbani danneggiati dalle emissioni inquinanti, i quali hanno chiesto 15 mila euro di risarcimento ciascuno.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteCristicchi, Fabi e Nathalie ad Alcamo – (foto)
Articolo successivoNuovo massaggiatore cardiaco al S.Antonio
Simona De Simone
Simona De Simone, psicologa e psicoterapeuta. Divoratrice instancabile di libri e del buon cibo. Appassionata di scrittura e mamma di Alqamah sin dal principio.