La Rievocazione storica a Castellammare ci sarà

1506

CASTELLAMMARE DEL GOLFO – Confermata per quest’anno la rievocazione storica. Era dal 2009 che l’importante evento non veniva ripreso, per questioni di tagli di fondi. Questa sarà l’ottava edizione dello spettacolare evento alla cala marina che, investita da un’atmosfera surreale, si trasforma in uno splendido teatro naturale con luci, colori, visioni ed effetti pirotecnici. La rappresentazione ricorda l’intervento prodigioso di Maria Santissima del Soccorso (Santa Patrona di Castellammare), avvenuto il 13 luglio 1718 durante lo scontro tra Filippo V Re di Spagna e Amedeo di Savoia per il possesso della Sicilia.
Castellammare venne a trovarsi involontariamente al centro della contesa. Un bastimento da carico spagnolo inseguito da cinque navi inglesi viene a rifugiarsi sotto il castello, il quale prendendone la difesa, con alcuni tiri di cannone, si impegna a respingere le navi nemiche; queste irritate dal danno sofferto, rispondono all’attacco. Alla vista dell’imminente pericolo, il popolo, sbigottito e tremante, accorre ai piedi della sua Patrona, implorando a gran voce il suo soccorso. Ad un tratto, con meraviglia di tutti, dal Monte delle “Scale” appare la Madonna bianco vestita seguita da una schiera di Angeli che scendono verso la “Marina”. Questa visione spaventa gli Inglesi che abbandonano il mare dirigendosi verso altri porti.

La rappresentazione del 2009 ha fatto registrare a Castellammare 50mila presenze e, proprio in funzione di questo numero, la decisione di spostare l’evento dalla festa del paese alla data del miracolo per tentare di portare nuovi turisti durante un periodo carente della linfa vitale dell’economia castellammarese.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedentePossibili problemi idrici da lunedì a giovedì
Articolo successivoDomenica motoristica a Valderice
Eva Calvaruso
Eva Calvaruso, classe 1984, vive ad Alcamo, spirito da ventenne e laurea in Economia. Animo hippie e fan sfegatata di Guccini. Curiosità, passione e una continua ricerca della verità l’hanno spinta a diventare una giornalista.