Ad Erice proibiti i souvenir che ritraggono la mafia anche se ironicamente

1447

ERICE. Il Sindaco di Erice, Giacomo Tranchida, accoglie la proposta dell’assessore Alberto Venza e proibisce la vendita di souvenir riguardanti la mafia in tutta la città. L’assessore giustifica tale decisione con le continue sollecitazioni a lui pervenute da diversi personaggi celebri, che hanno visitato il bellissimo borgo medievale e hanno trovato equivoci tali oggetti. Dunque proibita l’esposizione e la vendita di oggetti, magliette e gadget che prendevano in giro la presunta mafiosità insita nel siciliano. Vigileranno le forze dell’ordine e la polizia municipale che puniranno i trasgressori con multe che potranno arrivare sino alla somma di  500 euro. Una restrizione, che se anche salvaguardasse il territorio ericino dagli equivoci, è abbastanza sui generis e limitata alla sola cittadina; a pochi metri di distanza, nella vicina Trapani, le vendite potranno continuare ugualmente, almeno che la decisione di Tranchida non coinvolga altri sindaci.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteIl pronto soccorso di Mazara del Vallo verrà mantenuto
Articolo successivoPossibili problemi idrici da lunedì a giovedì
Simona De Simone
Simona De Simone, psicologa e psicoterapeuta. Divoratrice instancabile di libri e del buon cibo. Appassionata di scrittura e mamma di Alqamah sin dal principio.