Bresciani: “riconoscere lo stato di calamità naturale”

355

CASTELLAMMARE DEL GOLFO – Ancora dubbi dopo l’esondazione del 27 Aprile scorso a Guidaloca. Stavolta è il sindaco di Castellammare del Golfo ad esprimere preoccupazione sulla possibilità che non venga riconosciuto lo stato di calamità naturale. Secondo Marzio Bresciani, i danni causati alla baia di Guidaloca ammonterebbero a circa trecentomila euro tra strade, case e terreni. Nella giornata di ieri il sindaco ha incontrato il dirigente regionale della Protezione Civile, l’ingegnere Pietro Lo Monaco, e sembra che non ci si la volontà di riconoscere lo stato di calamità naturale per il territorio di Castellammare. Secondo Bresciani: “è confortante che si voglia mettere in sicurezza la zona dove si è verificata la rottura degli argini del torrente Guidaloca, ma il mancato riconoscimento dello stato di calamità naturale non ci permetterà di sistemare le strade in zone particolarmente danneggiate come, ad esempio, nella frazione di Balata di Baida, dove il nubifragio ha messo in difficoltà anche le aziende agricole già sofferenti per la crisi del settore“.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteNeolingua
Articolo successivoAlcamo: il bigottismo e la paura di essere presenti alla presentazione di una mostra contro l’omofobia
Marcello Contento
Marcello Contento, nasce a Palermo nel 1982, vive la sua vita tra la Sicilia e la Toscana. Giornalista, insegnante di economia aziendale e lettore incallito di Tex e Alan Ford.