La Pasqua dei nostri nonni

1311

ALCAMO – Durante i periodi di festa è inevitabile non parlare delle nostre tradizioni, quelle così care ai nostri nonni ma quasi del tutto dimenticate dalle nuove generazioni. Ormai i beni di largo consumo sono solo le uova di Pasqua di cioccolato e le colombe di produzione industriale, beni prettamente commerciali.

Le uova di Pasqua tipiche erano “li cannatuna”: uova sode, bollite in acqua con l’aggiunta di fogli di carta velina colorata, che permettevano al colore di fissarsi sul guscio delle uova, e poi decorate con della pasta di pane con dei motivi floreali o a simulare un cestino.

Durante i primi anni del novecento,t ipico regalo pasquale fatto dalla famiglia del fidanzato a quella della futura moglie era la “ciocca cu li puddicini”, un cesto pieno di uova sode colorate su cui sopra era adagiata una gallina ralizzata sempre in pasta di pane fresco opportunamente modallata e poi colorata con polvere d’oro oppure adornata con piume vere di gallina. Attorno ad essa venivano posti a devorazione dei pulcini fatti di stoffa o di pasta o confetti e cioccolattini. Era un regalo che indicava fertilità. Negli anni l’usanza di regalare la ciocca è stata poi soppiantata dall’agnello di pasta reale.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteRyanair cancella 72 voli
Articolo successivoLe cosmogonie di Stefano Artale al Marconi – (foto)
Eva Calvaruso
Eva Calvaruso, classe 1984, vive ad Alcamo, spirito da ventenne e laurea in Economia. Animo hippie e fan sfegatata di Guccini. Curiosità, passione e una continua ricerca della verità l’hanno spinta a diventare una giornalista.