Il sindaco Fazio ancora contrario alla tendopoli di Chinisia

378

TRAPANI – Il sindaco Girolamo Fazio ha fatto visita alla tendopoli allestita a Chinisia, in cui si trovano 700 extracomunitari, per verificarne le effettive condizioni. Ma le parole del sindaco di Trapani non sono rincuoranti sulla situazione degli immigrati che vi risiedono: “Ribadisco che il sito è assolutamente inadatto, la polvere nell’aria, causata dal fatto che la zona è sterrata, è notevole e stamattina ho disposto l’invio dei mezzi per rendere il terreno dinanzi la tendopoli più idoneo, magari gettandovi dell’acqua”.
Per quanto riguarda la condizione della tendopoli il Sindaco ha affermato che “le tende sono pulite e ben sistemate, nell’area vi è disponibilità d’acqua e di servizi. Ho riscontrato la presenza di mediatori culturali, presidi medici, assistenti sociali e di tutte le figure necessarie per cercare di garantire un minimo di vivibilità agli extracomunitari. E’ chiaro però che non possono essere tenuti presso la tendopoli per lungo tempo, perché le condizioni non ci sono: non appena aumenterà il caldo, non sarà possibile rimanere in quella zona, assolutamente priva di qualsivoglia riparo. E d’altra parte non si può minimamente immaginare di tenere 700 persone in un luogo recintato (non con filo spinato, come qualcuno ha detto), per lungo tempo”.
Il sindaco Fazio resta fermo anche sulla sua posizione di voler ricorrere alle vie legali nel caso in cui dovesse accadere qualcosa nel territorio legata a tale situazione: “Ribadisco che, qualora dovessero verificarsi danni di qualsiasi genere a causa di una scelta che non può essere condivisa non esiterò ad avviare azioni legali nei confronti del Ministero”.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteSan Vito migliore spiaggia d’Italia
Articolo successivoTragedia a largo di Lampedusa. Dopo il conto delle vittime è l’ora delle riflessioni sulle responsabilità
Eva Calvaruso
Eva Calvaruso, classe 1984, vive ad Alcamo, spirito da ventenne e laurea in Economia. Animo hippie e fan sfegatata di Guccini. Curiosità, passione e una continua ricerca della verità l’hanno spinta a diventare una giornalista.