Caffè letterario anche ad Alcamo

1782

ALCAMO – Il comune di  Alcamo ha finalmente emesso il bando con il quale è possibile chiedere in concessione una parte del “Collegio dei Gesuiti” per la realizzazione di un Caffè letterario. Questo comporterà  pertanto la realizzazione di un nuovo locale in Piazza Ciullo, che sarà prevalentemente una caffetteria, con somministrazione al pubblico di alimenti e bevande, ma si occuperà anche della vendita di libri e oggettistica, nonché dell’organizzazione di attività e servizi culturali. Più esattamente per Caffè lettarario possiamo intendere “uno spazio interculturale, nato dall’idea di coniugare una libreria a tematiche specifiche con un caffè, pensato non solo come spazio di ritrovo/relax, tipico di certe attività strutturate, ma anche come “luogo culturale” in cui dare vita a focolai di scambio di idee. Una forma di comunicazione ibrida che consenta di integrare un servizio commerciale con attività culturali in cui chi produce arte e cultura possa essere a contatto diretto non solo con chi la fruisce, ma soprattutto con chi la distribuisce.”

Alla domanda di partecipazione sarà necessario allegare l’offerta progettuale che consiste in una relazione-progetto, nella quale il concorrente dovrà illustrare le caratteristiche e le qualità del progetto di gestione che si impegna ad offrire, le previsioni organizzative in riferimento al personale necessario e alle manifestazioni culturali organizzate con un minimo di cinque l’anno.

Il plico contenente le offerte e la relativa documentazione, pena l’esclusione dalla gara, dovrà pervenire all’Ufficio Protocollo del Comune di Alcamo entro le ore 13,00 del giorno 02/05/2011.

Per poter consultare interamente il bando cliccare sul seguente link.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteFilm di guerra alla tivù
Articolo successivoBelice ambiente non naviga in buone acque
Eva Calvaruso
Eva Calvaruso, classe 1984, vive ad Alcamo, spirito da ventenne e laurea in Economia. Animo hippie e fan sfegatata di Guccini. Curiosità, passione e una continua ricerca della verità l’hanno spinta a diventare una giornalista.