Dichiarazioni dell’On. Rallo sulla guerra in Libia

675

L’on. Michele Rallo, già esponente del Movimento Sociale Italiano e – negli anni ’90 – deputato al Parlamento per il Collegio di Trapani e membro della Commissione Esteri della Camera dei Deputati, ha rilasciato la seguente dichiarazione:

“Manifesto il più vivo allarme per la decisione del governo italiano di partecipare alla annunziata aggressione americana alla Libia; aggressione come al solito ammantata dal richiamo ipocrita agli ideali di libertà, democrazia, eccetera. In realtà, Gheddafi ha semplicemente reagito – pur con la consueta brutalità – al tentativo di un colpo-di-Stato sapientemente organizzato da centrali straniere: un colpo-di-Stato che mirava non solo ad abbattere il suo regime, ma probabilmente anche a riaffermare il monopolio delle multinazionali americane sul mercato mediterraneo del petrolio.

Il governo italiano, che pure fino a qualche settimana fa aveva dimostrato di voler riprendere la strada – tracciata dall’indimenticabile Enrico Mattei – di una politica energetica autonoma e libera da vincoli di sottomissione ai poteri forti d’oltreoceano, ha fatto precipitosamente marcia indietro; è rientrato disciplinatamente nei ranghi della diplomazia “atlantica” ed ha manifestato la sua adesione a questa ennesima crociata proclamata da Washington.

In questo caso, peraltro, non si tratterà più soltanto di inviare i nostri soldati a morire per imporre la “pax americana” negli angoli più remoti del pianeta, ma di schierarci sulla prima linea del fronte, esponendo il territorio nazionale – e in primo luogo la nostra Sicilia – a conseguenze che potrebbero essere assai pesanti: terrorismo, aumento vertiginoso dell’immigrazione clandestina, pericoli per la nostra flotta peschereccia; e, ciò, senza contare la possibilità di una concreta reazione armata libica contro le nostre basi e contro le nostre isole più meridionali, da Birgi a Sigonella, da Pantelleria alla stessa Lampedusa.

Stupisce che Berlusconi si sia inchinato con tanta solerzia ai desiderata di Washington. Ma stupisce ancor di più che a tale genuflessione si sia prontamente associata – salvo rarissime eccezioni – la Sinistra italiana, così pronta in passato a scendere in piazza contro la presenza militare americana in Vietnam, in Corea o in qualunque contrada del nostro globo. Evidentemente, questa sinistra ha aggiornato i suoi miti: da “USA go home” al “You care” veltroniano, da Joan Beaz a Rosy Bindi.

Intanto – dopo aver “liberato” l’Irak e l’Afghanistan per tacere del pasticciaccio della Somalia – gli americani si preparano a “liberare” la Libia.

Prossimo candidato alla “liberazione” è l’Iran di Ahmadinejad, con la scusa – ma è soltanto una scusa – che si tratti di un regime dittatoriale. Ma la Russia resterà a guardare? Si profila uno scenario di guerra permanente nel Mediterraneo e nel Vicino Oriente. La nostra unica convenienza è di restarne fuori.

Una notazione finale: non ho nessuna simpatia né per Gheddafi né per il suo regime. Semplicemente, mi stanno più a cuore i nostri interessi che non quegli degli americani.”

Fonte: Fabio Pace Ufficio Stampa e Comunicazione

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteGli attacchi alla Libia dividono il Governo
Articolo successivoBirgi, tra qualche ora chiude l’aeroporto civile
Eros Bonomo
Eros “Libero” Bonomo, Giornalista siciliano, vive ad Alcamo, il cui lavoro è incentrato su Passione, Rispetto e Indipendenza, così da informare al meglio i cittadini. Grande “divoratore” di Dylan Dog, musica e libri, in particolare di storia politica. Motto: “Non sarai mai solo con la schizofrenia”.