Gli attacchi alla Libia dividono il Governo

718

Missili USA e Aerei Francesi e Inglesi stanno tentando con la forza di piegare il regime di Gheddafi. La coalizione dei 5 (Francia USA Inghilterra Canada e Italia) fa sul serio. L’Italia tentenna ma alla fine è della coalizione, ma nel Governo si evidenziano i malumori della Lega, la cui sola paura è di ritrovarsi migliaia di profughi, e il leader Bossi sembra preannunciare tempi duri per la durata del Governo. In questa vicenda ancora una volta si è messa in evidenza una politica estera dell’Italia poco convincente e coraggiosa, perché un giorno si fa entrare trionfante Gheddafi in Italia, un altro non si capisce con chi sta il Governo e perde tempo per vedere chi la spunterà e poi prendere posizione, poi  in un terzo momento si mostrano i muscoli, ma non tutti nel Governo, quindi di nuovo una posizione debole esce dalle decisioni dell’esecutivo di Berlusconi. Poi non poteva mancare la critica alle opposizioni, a cui si rimprovera di essere contro alle guerre a corrente alternata, ma in questo caso non si può dire questo delle opposizioni, perché la Sinistra ha avallato con forza la guerra contro Milosevic, e poi perché se si è d’accordo con una iniziativa lo si deve essere con le future iniziative, non esiste la libertà di scegliere cosa è giusto e cosa non lo è?

La guerra è vicina a noi questa volta e si dovrebbe pretendere dal Governo decisione e non polemiche da campagna elettorale!

Nel campo estero titubanze su questa guerra vengono dalla Germania, ma si sa che la Germania è sempre molto restia a iniziative militari. Altra nazione titubante, anzi contraria è la Russia di Putin, forse perché i russi hanno qualche interesse in ballo?

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteTrapani, già schierati gli aerei per la missione libica
Articolo successivoDichiarazioni dell’On. Rallo sulla guerra in Libia
Eros Bonomo
Eros “Libero” Bonomo, Giornalista siciliano, vive ad Alcamo, il cui lavoro è incentrato su Passione, Rispetto e Indipendenza, così da informare al meglio i cittadini. Grande “divoratore” di Dylan Dog, musica e libri, in particolare di storia politica. Motto: “Non sarai mai solo con la schizofrenia”.