Russo e Lombardo all’inaugurazione del nuovo reparto all’ospedale di Partinico

417

PARTINICO – Ieri è stato un momento molto importatnte per l’ospedale Civico di Partinico, è stato infatti inaugurato il nuovo reparto di terapia intensiva ed è stato riaperto il reparto di ginecologia ed ostetricia chiuso ben 47 giorni fa a causa del decesso di un neonato, il settimo in due anni. Parecchi i personaggi politici che sono intervenuti ed hanno potuto esprimere le loro opinioni su vicende di aspetto sanitario, con particolare attenzione al comportamento dei medici siciliani.

“Stiamo cambiando in maniera radicale la sanità in Sicilia, in passato colleghi medici frequentavano le segreterie dei partiti, magari anche del mio partito, oggi si dedicano all’aggiornamento, al migliore funzionamento del sistema. Nei paesi la gente l’ha capito e non scende più piazza per difendere il primario legato alla politica” ha affermato il presidente delle Regione siciliana, Raffaele Lombardo, intervenendo durante l’inaugurazione.

L’assessore regionale alla sanità, Massimo Russo, ha approffittato del contesto per esprimere la sua disapprovazione alla proposta fatta alcuni giorni fa da alcuni intellettuali siciliani che chiedevano che i manager sanitari provenissero da una Sanità di eccellenza del Nord, slegata dalle logiche di partito. “Non ci facciamo intimidire da attacchi, appelli e linee editoriali. Ogni accusa che ci viene fatta è direttamente proporzionale all’efficacia dei nostri interventi. Abbiamo cambiato gli assetti di potere, la Sicilia non ha bisogno di Papi stranieri ma di persone per bene”.


CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteSticky: Costituente di Futuro e Libertà, da Trapani partiranno in 40
Articolo successivoBando per la promozione e la valorizzazione dell’antico Motoveliero “San Giacomo”
Eva Calvaruso
Eva Calvaruso, classe 1984, vive ad Alcamo, spirito da ventenne e laurea in Economia. Animo hippie e fan sfegatata di Guccini. Curiosità, passione e una continua ricerca della verità l’hanno spinta a diventare una giornalista.