Sticky: Il Manager dell’Ospedale Civico cerchiamolo al Nord

391

Questa è la proposta di un gruppo di intellettuali siciliani fatta al Presidente della Regione Sicilia e all’assessore alla Sanità. Perché un manager del Nord? i proponenti vogliono un manager slegato da logiche di partito e che provenga da una Sanità di eccellenza del Nord; non che in Sicilia non ci siano bravi manager, ma i proponenti hanno paura che venga scelto dalle segreterie e non per la propria professionalità.

Questa proposta è contemporaneamente un segnale di paura per le scelte che può fare la Regione e un atto d’accusa, perché sottolinea la possibilità che prevalgano raccomandazioni da parte delle segreterie dei partiti che fanno parte della maggioranza. Però vedendo i firmatari, è più probabile che sia la paura da parte di chi ama la propria terra e la vuole vedere libera da logiche di potere fini a se stesse, che hanno caratterizzato il passato, anche recente, della nostra Regione.

Regione, aggiungo io, a cui non è stato permesso spiccare il volo, perché ha avuto le ali tarpate, da chi? dalla mafia, da poteri dello stato corrotti e da interessi economici, cioé da coloro che avevano diviso l’Italia in un Nord industriale, della finanza e un Sud serbatoio di voti e da sfruttare fino all’esaurimento.

Ritornando a merito della proposta, io la giudico non precisa, perché va bene scegliere un manager proveniente da Sanità d’eccellenza, ma i proponenti non hanno posto l’accento su un particolare, cioé che molti manager eccellenti del Nord provengono dal Sud, quindi era più giusto parlare di un rimpatrio dei cervelli, che una politica del malaffare, corrotta e iniqua, hanno allontanato dalla propria terra. Però sarebbe ingiusto, sbagliato e non da persona seria non sottolineare che nella Sanità siciliana qualcosa è cambiato e un ottimo lavoro, seppur incompleto, è stato fatto in questi ultimi anni, grazie anche all’assessore Massimo Russo, i cui meriti sono innanzi gli occhi di tutti.

I primi firmatari della proposta sono: Fulvio Abbate, Simonetta Agnello Hornby, Roberto Alajmo, Giuseppe Ayala, Franco Battiato, Federico Butera, Andrea Camilleri, Pino Caruso, Amelia Crisantino, Giovanni Fiandaca, Salvo Ficarra, Franco La Cecla, Ivan Lo Bello, Dacia Maraini, Santo Piazzese, Valentino Picone, Gianni Puglisi, Gea Schirò, Enzo Sellerio.

PER FIRMARE LA PROPOSTA: http://login.kataweb.it/login/ugc/login.jsp?backurl=http%3A%2F%2Fupload.commenti.kataweb.it%2Fredirect.php%3Fkey%3Dugc-sso-hoqnc8j6wc51a5bths2a9dar62maf9fxw6l0&origin=repubblicanews

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteSlow fish 2011, Trapani vuole partecipare
Articolo successivoConsiglio comunale ad Alcamo
Eros Bonomo
Eros “Libero” Bonomo, Giornalista siciliano, vive ad Alcamo, il cui lavoro è incentrato su Passione, Rispetto e Indipendenza, così da informare al meglio i cittadini. Grande “divoratore” di Dylan Dog, musica e libri, in particolare di storia politica. Motto: “Non sarai mai solo con la schizofrenia”.