Dura la risposta dell’ass. Peraino alla nota di protesta della Cisl

388

A seguito dell’approvazione del decreto numero 28 del 2011 da parte dell’Ass. Andrea Piraino, la Cisl ha fatto notare il suo disappunto sul lavoro che è stato portato a termine. Il provveidmento riguarda l’erogazione di contributi per progetti di assistenza per disabili in situazione di totale compromissione funzionale o minori disabili che partecipano ad attività di socializzazione o di formazione, assistiti nell’ambito del nucleo familiare. Il provvedimento attinge al fondo regionale per i non autosufficienti e fissa i criteri per erogare, a organizzazioni del volontariato, associazioni, cooperative ed enti locali, “contributi per progetti di assistenza a disabili gravi o a minori disabili”. Secondo la Cisl, il provvedimento “conferma in modo inequivocabile” la volontà dell’assessorato di battere la “strada insostenibile dei finanziamenti a pioggia, dispersivi e inefficaci, piuttosto che quella di “una strategia complessiva di interventi su obiettivi e bisogni prioritari e condivisi con forze sociali e amministrazioni locali”. Il sindacato chiede a palazzo d’Orleans la costituzione del fondo unico per le povertà, e l’attuazione delle politiche di integrazione socio-sanitaria con la “messa in sinergia” degli assessorati regionali alla Famiglia e alla Salute.

La risposta dell’Ass. alle Politiche sociali Piraino è stata tempestiva e non priva di un di rammarico per un pregiudizio che è presente nella presa di posizione del sindacato: “Presupposto fondamentale per una corretta interlocuzione fra forze sociali e governo sono la conoscenza delle tematiche da affrontare e la capacita’ di leggere le carte senza la lente deformante del pregiudizio”. “Dal 2005 – aggiunge Piraino – la Regione eroga ogni anno a disabili gravi un servizio di assistenza che consente loro di assolvere alle funzioni vitali, mantenendo un minimo di relazioni sociali. Sono uomini e donne in carne ed ossa che, a dar retta alla distorta furia moralizzatrice dei dirigenti Cisl, dovremmo abbandonare al loro destino per la creazione di un fantomatico fondo unico sulla povertà, che nulla ha a che vedere con gli interventi in questione. L’unica novità che ho ritenuto di apportare è la regolamentazione di questi interventi con criteri di economicità e trasparenza, visto che venivano erogati a sportello, senza alcuna forma di valutazione comparativa”. “Anche da una lettura distratta – prosegue Piraino – si evince chiaramente che le uniche spese ammesse dal provvedimento sono quelle relative all’assistenza diretta dei pazienti, senza alcuna forma di intermediazione per l’Ente pubblico o privato, che presenta il progetto”.

La risposta dell’ass. Piraino si conclude con un attacco diretto al sindacato: “É legittimo sospettare, di fronte a prese di posizione così strumentali, che dalla Cisl e da altre forze che si definiscono sociali, sia in atto un attacco al principio costituzionale della sussidiarietà, negando il ruolo fondamentale che il Volontariato e il settore no profit svolgono in difesa delle fasce deboli della
popolazione. Mi permetto di affermare – conclude Piraino – che non e’ questa la strada per recuperare il deficit di rappresentatività accumulato negli ultimi anni dalle forze sindacali”.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteIl Sindaco di Salemi, Sgarbi, invita Berlusconi
Articolo successivoAl via la gara d’appalto per la sistemazione della S.P. n.50 Mazara del Vallo – Borgata Costiera
Eva Calvaruso
Eva Calvaruso, classe 1984, vive ad Alcamo, spirito da ventenne e laurea in Economia. Animo hippie e fan sfegatata di Guccini. Curiosità, passione e una continua ricerca della verità l’hanno spinta a diventare una giornalista.