Sequestrati 22 milioni di euro a uomini vicino a Denaro

657

TRAPANI – Un duro colpo alla cosca Trapanese vicino al Boss Matteo Messina Denaro. Il tribunale di Trapani ha disposto il sequestro di aziende, immobili, terreni e disponibilità finanziarie degli uomini tratti in arresto , nel giugno 2009, nell’operazione denominata “Golem”. Tutti i beni sequestrati ammontano a 22 milioni di euro appartenenti al cugino del Boss, Mario Messina Denaro, di Castelvetrano e agli altri fiancheggiatori: Francesco Luppino (55 anni, Campobello di Mazara); Vito Angelo Barruzza (46 anni, originario di Baden); Leonardo Bonafede (38 anni, Campobello di Mazara); Salvatore Dell’Aquila (49 anni, Campobello di Mazara); Franco Indelicato (41 anni, Campobello di Mazara) e Leonardo Ferrante (46 anni, Trapani).  Per tutti gli imputati c’è l’accusa di aver mantenuto un rapporto continuativo e di favoreggiamento nei confronti di Matteo Messina Denaro e dei Lo Piccolo. Una vittoria importante per i siciliani onesti che combattono giornalmente la legalità e la disoccupazione, mentre la criminalità organizzata siciliana e apparati corrotti delle istituzioni navigano nell’oro.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteCastelvetrano, pentito torna dopo 19 anni
Articolo successivoIndagini sui corpi trovati nei Pirenei, si farà il test del DNA per capire se sono riconducibili ai due Maiorana
Marcello Contento
Marcello Contento, nasce a Palermo nel 1982, vive la sua vita tra la Sicilia e la Toscana. Giornalista, insegnante di economia aziendale e lettore incallito di Tex e Alan Ford.