Richiesta di chiarimenti all’On. Turano

474

TRAPANI – Quella che doveva essere una semplice conferenza per promuovere il turismo sociale a Trapani, si è invece trasformata in una motivata polemica nei confronti del Presidente della provincia Mimmo Turano. Le richieste di chiarimenti sono arrivate dal consigliere provinciale Salvatore Daidone che ha indirizzato una lettera ad alcuni esponenti provinciali, in particolar modo all’On. Turano e all’Ass. Lo Sciuto.

La conferenza, svoltasi giovedì 2 dicembre, era stata organizzata per promuovere un turismo destinato ad i diversamente abili ed alla presentazione di una guida, denominata “Guida turistica all’accessibilità” della provincia di Trapani, realizzata anche grazie alla collaborazione di alcune associazioni. L’intero progetto è stato infatti una collaborazione tra l’amministrazione provinciale e tali associazioni, protagoniste, tra l’altro, di un apposito protocollo d’intesa già sottoscritto con l’Ente Provincia sin dal 22 Dicembre 2009.

Ma, da quanto è emerso dalla stampa, le associazioni non sono state coinvolte nell’organizzazione dell’incontro e, proprio questa condizione, ha portato Daidone a chiedere spiegazioni.

Ma il consigliere provinciale non è stato il solo a porre attenzione su questa situazione, in quanto anche una relatrice,  Prof.ssa Ignazia Bartholini, addirittura inserita nella brochure dell’evento, ha rifiutato di partecipare proprio per il mancato coinvolgimento delle associazioni, con le quali aveva condiviso i lavori del tavolo tecnico.

Infine, in fondo alla lettera, il consigliere provinciale chiede anche spiegazioni sulla presenza al convegno del Dott. Renato Briante, ex consulente del Presidente Turano (così come riportato dagli organi di stampa) e indagato dalla Procura di Catania per eventuali reati contro la pubblica amministrazione.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteFerrara prende posizione sull’ospedale di Alcamo
Articolo successivoProgrammate le sedute del Consiglio Provinciale del mese di Dicembre
Eva Calvaruso
Eva Calvaruso, classe 1984, vive ad Alcamo, spirito da ventenne e laurea in Economia. Animo hippie e fan sfegatata di Guccini. Curiosità, passione e una continua ricerca della verità l’hanno spinta a diventare una giornalista.