Da tredici mesi senza stipendio, senza contributi e senza certezze sul futuro occupazionale.

Pubblicato: venerdì, 17 maggio 2019
Vota l\'articolo
0
Vota l\'articolo
0
Prosegue la vertenza della Cgil di Trapani a difesa dei lavoratori dell’Istituto geriatrico “Rosa Serraino Vulpitta”, che lo scorso 21 gennaio ha sospeso il servizio di assistenza con il trasferimento dei trentacinque ospiti in altre strutture del territorio trapanese, con notevole disagio per i familiari.
“Le lavoratrici e i lavoratori – dice la segretaria della Cgil di Trapani Antonella Granello – sono ancora in attesa di conoscere quale sarà il loro futuro occupazionale e di ricevere gli stipendi arretrati”.
Intanto la Cgil, Soggetto giuridico e la Fials hanno chiesto al sindaco di Trapani, tramite il commissario straordinario del Serraino Vulpitta, di sottoscrivere una convenzione finalizzata a impiegare, per un periodo predeterminato, i lavoratori dell’Ipab.
“Al momento – dice Antonella Granello – riteniamo che questa sia una soluzione utile a garantire la continuità occupazionale dei lavoratori ma è necessario predisporre un piano per la salvaguardia dei posti di lavoro, attraverso la ripresa dell’attività del Serraino Vulpitta che è una struttura storica che svolge una importante funzione sociale anche per le famiglie con difficoltà economiche, e per il recupero degli stipendi arretrati”.
Letto 336 volte.

Clicca QUI per lasciare un commento o usa il social plugin di Facebook

XHTML: Puoi usare i seguenti tag HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>